Home » Cosa facciamo » Progetti speciali

Oasi dei sensi

English text

Le mani, riescono ad avvicinarsi, sfiorano leggere i margini delle foglie, si soffermano brevemente su un particolare, poi ne accarezzano la superficie, l'olfatto e il gusto vengono in aiuto in questo atto di svelamento e su quel viso si disegna un'espressione di gioia e di stupore!

Presso il giardino di Palazzo Eccheli-Bàisi a Brentonico, dal mese di agosto 2014, è visitabile l'allestimento dell'Oasi dei Sensi, un percorso esperienziale attraverso i sensi adatto a tutti. Toccare per comprendere, per vedere, per fare propri aspetti naturalistici, per dare una possibilità a chi non vede o vede poco, di conoscere e a chi vede di imparare a conoscere attraverso l'utilizzo dei sensi. Il progetto, presentato dal Comune di Brentonico, è arrivato primo nella graduatoria di quelli finanziati dal fondo FESR (Fondo europeo di sviluppo regionale). Un percorso esperienziale e multisensoriale, accessibile a tutti. L'Oasi dei sensi è stata progettata e realizzata per cogliere, attraverso l'esperienza sensoriale, le bellezze di 4 ambienti naturali del Parco del Baldo. Un progetto utile sia alle persone con disabilità che alla collettività, poiché una società che esclude parte dei suoi membri, è una società impoverita; le azioni volte a migliorare le condizioni delle persone disabili, favoriscono la concretizzazione di comportamenti e azioni necessarie a rendere il territorio alla portata di tutti.
È in quest'ottica che si muove oggi la "Strategia europea sulla disabilità 2010-2020: un rinnovato impegno per un'Europa senza barriere", puntando a migliorare l'inclusione sociale, il benessere e il pieno esercizio dei diritti delle persone disabili. Un progetto culturale volto a promuovere e garantire il pieno e uguale godimento di tutti i diritti umani e di tutte le libertà fondamentali da parte delle persone con disabilità, permettendo la loro partecipazione ai beni naturali e culturali.


L'allestimento

L'allestimento è costituito da 4 vasche in metallo che ripropongono l'ambiente di alta quota, il bosco misto medio alto, la zona umida, il bosco misto medio basso. Tra una vasca e l'altra sono posizionate 4 strutture in metallo. Ogni postazione è provvista di un pulsante per ascoltare il paesaggio sonoro presente nei diversi ambienti naturali, riproducendo realisticamente l'ambiente sonoro dell'ambiente di alta quota. I suoni sono stati registrati appositamente in natura mediante microfono direzionale e successivamente mixati, realizzando una composizione artistica, unica e naturale (soundscaping & sound design) armonizzando tra loro canti e versi animali con i suoni della natura e del paesaggio di riferimento.
Un pannello con le indicazioni ambientali tradotte anche in Braille, inglese e tedesco, un pannello su cui sono applicate una serie di sagome tattili appositamente create, che permettono di percepire toccando, la forma di alcune piante e animali presenti nei 4 ambienti a elevata biodiversità.


Obiettivi del progetto

  • l'utilizzo del giardino come luogo dal quale trarre suggerimenti/suggestioni legati ai sensi, alla spazialità, alla scoperta progressiva, attraverso la creazione di uno spazio dedicato;
  • la necessità di sviluppo di un percorso in grado di incuriosire l'utente, anche disabile, (per quanto concesso dalla struttura architettonica e da alcune infrastrutture esistenti) che permetta attraverso i sensi di scoprire alcuni elementi caratteristici delle zone del Monte Baldo;
  • la promozione di una cultura che educhi il turismo ad avere un ruolo importante nella socializzazione, ai fini dell'integrazione. Solo di recente si va affermando, all'interno del dibattito sull'accessibilità degli spazi costruiti, il tema della fruizione degli spazi naturali. Una cultura, che rispetto ai paesi anglosassoni, in Italia è ancora in fase nascente;
  • creare un utilizzo da parte di tutti di una parte del Palazzo, riconducibile al primo giardino;
  • avvicinare l'utente alla scoperta di particolari delle zone tipiche del Baldo inserito nella Rete delle Riserve di Brentonico, attraverso nuovi stimoli sensoriali con cui relazionarsi; arricchire con una nuova progettualità il luogo e renderlo fruibile anche con le nuove tecnologie audio;
  • migliorare l'accessibilità e fruibilità delle infrastrutture, promuovendo percorsi con riguardo alle diverse categorie di utenti, anche svantaggiate, aprendo così il contesto ambientale-paesaggistico anche a persone con disabilità.

Localizzazione

La scelta del posizionamento dell'Oasi dei Sensi è stata prevista nel primo giardino del Palazzo, perché questo spazio, praticabile, ampio e non allestito, è adatto alla creazione di un percorso accessibile, senza stravolgere l'assetto dell'Orto botanico e del Giardino dei Semplici, situati nella zona sottostante, che presentano difficoltà di accesso.
Il progetto ha previsto anche la strutturazione di un percorso audio guidato attraverso 40 audioguide che accompagnano il visitatore dall'APT di Brentonico, attraverso il paese per conoscere alcune particolarità del luogo, fino a palazzo Baisi con la visita al palazzo, al Giardino botanico, all'Orto dei Semplici e al Museo del Fossile.

Orari di visita:
dal 9 giugno al 7 settembre: martedì-domenica ore 10.00-18.00;
dall'8 al 27 settembre: martedì-domenica ore 10.00-17.00;
dal 29 settembre al 31 maggio 2016: su prenotazione (tel. +39 0464 395059).
Lunedì chiuso. Ingresso libero.

Palazzo Eccheli Baisi, Via Mantova, 4 - 38060 Brentonico (TN)
tel. +39 0464 395059


Progetto cofinanziato dall'UE attraverso il bando F.E.S.R.


Oasi dei sensi
(foto di Parco Locale del Monte Baldo)
Oasi dei sensi
(foto di Parco Locale del Monte Baldo)
Oasi dei sensi
(foto di Parco Locale del Monte Baldo)
Oasi dei sensi
(foto di Parco Locale del Monte Baldo)
 
QR Code