Home » Territorio » Aree Protette

Manzano

Zona speciale di conservazione (ZSC)

Il sito si trova sul lembo più meridionale della catena Stivo-Cornetto del Bondone. Esso è costituito da un versante calcareo esposto a sud nella fascia collinare, occupato da distese ampie di prati arido-steppici intervallate da boschetti e siepi. Qua e là sono presenti alcuni appezzamenti con colture tradizionali. Assolutamente degna di nota l'elevata percentuale di copertura (pari al 17,65%) dell'habitat 6210 reso prioritario dalla "stupenda fioritura di orchidee".

Carta d'identità

  • Codice Rete Natura 2000: IT3120111
  • Superficie a terra (ha): 100,50
  • Quota minima (m): 677
  • Quota massima (m): 1.145
  • Regioni: Trentino Alto Adige - prov. TN
  • Province: Trento
  • Comuni: Mori

Manzano (Z.S.C. IT3120111)

Qualità e importanza: relitto di paesaggio agro-pastorale di tipo tradizionale, in cui spicca soprattutto la vasta distesa di prati aridosteppici che ospitano alcune rarità floristiche di notevole interesse. Alcune entità rare sono legate anche alle colture tradizionali.

Vulnerabilità: l'area mantiene ancora un equilibrio ottimale tra presenza antropica e qualità dell'ambiente; c'è il rischio che l'abbandono progressivo porti ad un ulteriore contrazione dei prati aridi a vantaggio della poco significativa boscaglia arida.

Tipi di habitat "prioritari" di interesse comunitario (Allegato I della Direttiva "Habitat"):
6110 - Formazioni erbose calcicole rupicole o basofile dell'Alysso-Sedion albi.
6210 - Formazioni erbose secche seminaturali e facies coperte da cespugli su substrato calcareo (Festuco-Brometalia) (stupenda fioritura di orchidee).

Specie di Uccelli soggette a speciali misure di conservazione (allegato I della Direttiva "Uccelli"): Averla piccola

Manzano
(foto di Giulia Tomasi)

(foto di SIC Manzano)

(foto di SIC Manzano)

(foto di SIC Manzano)
Manzano
(foto di N. Campostrini)
 
QR Code